Macchine da cucito: breve guida all’acquisto

Quante volte, per riparare un capo come un pantalone o una gonna vi siete rivolti ad una sartoria, pagando il rammendo?
Imparare a fare un piccolo ricamo, o riparare un jeans con una macchina da cucire, se non si hanno troppe pretese, non è difficile. Per questo oggi vogliamo presentarvi un breve approfondimento riguardante il mondo delle macchine da cucito.
Dotandovi di una macchina da cucire economica (meglio se automatica), da oggi l’orlo troppo lungo dei pantaloni dei vostri ragazzi o di vostro marito, potrete realizzando da sole a casa, senza alcuna difficoltà.

Le moderne macchine da cucire ancora ricordano ancora quelle antiche per via di alcune funzioni (come il pedale), tuttavia oggi sono perlopiù automatiche e più semplici da utilizzare, grazie alla presenza del motore elettrico e di una serie di funzioni totalmente automatizzate.

Da quali parti è costituita una macchina da cucito?

Una macchina da cucire – di qualunque fascia di prezzo – è costituita dalle seguenti parti:

  • Portarocchetto. Solitamente posto in alto sulla macchina, è fatto di metallo o plastica, e serve a tenere fermo il rocchetto del filo.
  • Guidafilo. Solitamente in metallo, esso ha il compito di portare il filo dal rocchetto fino alla bobina.
  • Pulsanti per la regolazione del punto. Hanno il compito di variare la lunghezza e la direzione del punto.
  • Morsetto a vite. Collocato vicino all’ago, serve a tenere fermo l’ago quando si cuce; questo morsetto si trova solitamente a destra dell’ago e ha l’aspetto di una grossa vite che spunta dal suo interno.
  • Piedino premistoffa. Tiene fermo il tessuto mentre si cuce: questo piedino si alza e si abbassa, grazie ad una leva solitamente posta sul retro della macchina.
  • Piastra. Solitamente di colore argento, e posta sotto l’ago e il piedino, contiene il trasportatore del tessuto, ovvero una guida in metallo che fa scorrere il tessuto.
  • Vano per la spola, con annesso meccanismo di rilascio. E’ l’insieme di meccanismi che consente alla vostra macchina di cucire.

Macchina da cucire: ecco come sceglierla

La scelta di una macchina da cucire va fatta affidandosi ad alcuni fattori.
Uno di questi è il budget a disposizione, rapportato ovviamente con la nostra dimestichezza con ago e filo.
Inutile acquistare una macchina da cucito ultramoderna se non si conosce la differenza tra un ago e una spola; tuttavia una buona notizia c’è: per le sarte (o i sarti) inesperte/i è consigliabile una macchina automatica o semiautomatica, in grado di programmare delle sessioni di cucito senza combinare disastri!

Quando al prezzo, escludendo i modelli super economici, se ci orientiamo verso un modello di media qualità il costo supera i 100 euro. Le macchine da cucire di livello professionale possono arrivare a prezzi per più elevati.

Macchine da cucito: breve guida all’acquisto
Torna su